Apertura finestra di accreditamento per gli ETS

AVVISO

APERTURA FINESTRA DI ACCREDITAMENTO PER GLI ETS CHE INTENDONO DIVENTARE
ENTE DI ACCOGLIENZA, IN FORMA ASSOCIATA, AL CSV IRPINIA SANNIO

Il CSV Irpinia Sannio informa gli ETS che, nell’ambito delle attività di promozione del volontariato, ha avviato la richiesta di accreditamento/adeguamento all’Albo del SCU del CSV.
Al fine di offrire questo nuovo servizio a tutti gli ETS (OdV – ApS – Cooperative Sociali, etc) interessati ed in possesso dei requisiti richiesti, con il presente avviso si comunicano le modalità, procedure e tempi relativi al procedimento.

Il CSV Irpinia Sannio, quale Ente accreditato all’Albo degli Enti del Servizio Civile, intende procedere all’accreditamento/adeguamento così da poter supportare gli ETS, nella presentazione di progetti/programmi di Servizio Civile, nella gestione dei volontari e nell’espletamento di tutti gli adempimenti burocratici connessi all’istituto del servizio civile universale.

Lo scopo ultimo è quello di sostenere le attività di promozione e valorizzazione del volontariato degli ETS assicurando agli stessi le condizioni ed i servizi necessari affinché possano vedersi garantita la realizzazione di progetti di servizio civile universale e di conseguenza contare sulla presenza di Operatori Volontari in servizio civile presso le proprie sedi.
Infine, il fare rete con il CSV, garantirà ai giovani delle province di Avellino e Benevento, un ampliamento delle opportunità di fare esperienza nel mondo del volontariato irpino-sannita in diversi settori che, certamente, contribuirà ad accrescere competenze e conoscenze immediatamente spendibili nel corso della vita lavorativa.

A tal fine si invitano gli ETS con sede legale ed operativa nelle province di Avellino e Benevento a manifestare il proprio interesse ad accreditarsi quale Ente di Accoglienza del CSV Irpinia Sannio per
l’attuazione di progetti di servizio civile universale. Gli ETS in possesso dei requisiti richiesti saranno contattati dal CSV così da perfezionare la procedura di accreditamento.

Requisiti per l’accreditamento quale Ente di Accoglienza:
Gli ETS che intendono procedere all’accreditamento quale Ente di Accoglienza devono essere in possesso dei seguenti requisiti così come richiesti dalla normativa vigente:
a) assenza di scopo di lucro;
b) corrispondenza tra i propri fini istituzionali e le finalità di cui all’art. 1 della Legge n. 64 del 2001 e all’art. 2 del D.lgs. n. 40 del 2017;
c) svolgimento di un’attività continuativa da oltre tre anni (uno o più d’uno) nei settori elencati all’art. 3 del citato decreto legislativo;
d) l’insussistenza per i responsabili legali dell’ETS, nonché per tutti i componenti degli organi di governo e di controllo dello stesso, di fatti riconducibili all’art. 67 del D. lgs. 159/2011 (Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia, a norma degli articoli 1 e 2 della legge 13 agosto 2010, n. 136);
e) dimostrare di disporre, attraverso idonea documentazione, di almeno una sede fisica, individuata mediante: denominazione, via/piazza, numero civico, palazzina, scala, piano, interno, c.a.p. e comune di ubicazione. Ogni sede di attuazione deve rispettare i requisiti in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro di cui al d. lgs. n. 81 del 2008, e successive modificazioni e integrazioni.
Sarà inoltre necessario che la suddetta sede non sia attualmente accreditata per progetti di Servizio Civile Universale promossi da altri enti.

Documentazione da produrre:

Gli ETS che intendono procedere all’accreditamento quale Ente di Accoglienza dovranno presentare la seguente documentazione, scaricabile dal sito www.cesvolab.it – Servizio Civile Universale – Modulistica (https://cesvolab.it/servizio-civile-modulistica-per-accreditamento/) e successivamente saranno contattati dal CSV al fine di perfezionare il procedimento di accreditamento qualora sussistano i requisiti:

1) Domanda di iscrizione all’Albo del SCU quale Ente di Accoglienza (allegato. 5 “Mod. C”);
2) Documento di riconoscimento del legale rappresentante dell’ETS;
3) Atto Costitutivo, Statuto, Certificato di attribuzione del Codice Fiscale;
4) Autocertificazione resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28/12/2000, n. 445, attestante in modo puntuale le attività svolte dall’ente negli ultimi tre anni in uno o più settori previsti dall’art. 3 del Dlgs 40/2017 e s.m.i. per i quali si richiede l’iscrizione (come da modello allegato);
5) Autocertificazione resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28/12/2000, n. 445, concernente la comunicazione antimafia di cui al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, (allegato. 7), che dovrà essere compilata, corredata dei documenti di identità, dal legale rappresentante dell’ETS e da tutti i componenti gli organi di governo e di controllo ;
6) Autocertificazione resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28/12/2000, n. 445, attestante la conformità della sede alle disposizioni in materia di tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, di cui al decreto legislativo n. 81/2008 e successive modificazioni ed integrazioni (allegato. 8);
7) Documentazione attestante i titoli di godimento della sede da accreditare;
8) Carta di impegno Etico del Servizio Civile Universale debitamente firmata dal Legale Rappresentante (utilizzando il modello allegato).
9) Dichiarazione Sostitutiva dell’Atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. 28/12/2000, n. 445, concernente le dichiarazioni di impegno a compartecipare alle spese (utilizzando il modello allegato).

Per gli ETS non soci del CSV Irpinia Sannio, che intendono procedere all’accreditamento quale Ente di Accoglienza devono altresì allegare:
– Contratto di impegno e responsabilità in materia di servizio civile universale (allegato. 14);

Infatti, i rapporti che possono instaurarsi tra l’ente capofila (CSV Irpinia Sannio) e gli enti di accoglienza sono i seguenti:
a) ente capofila titolare dell’accreditamento legato ad enti di accoglienza da rapporti associativi, consortili, federativi o canonico-pastorali; (ETS soci del CSV Irpinia Sannio);
b) ente capofila titolare dell’accreditamento legato agli enti di accoglienza mediante “Contratto” secondo il modello allegato alla circolare (allegato. 14).

Tutta la suddetta documentazione andrà presentata in formato digitale all’indirizzo mail: info@cesvolab.it

Modalità e tempi di presentazione delle istanze:

La prima finestra temporale per poter presentare la documentazione richiesta ha come scadenza il
15 ottobre 2020 – ore 12:00.
Con successivi avvisi, saranno comunicate le altre date entro le quali poter presentare la documentazione.

Compartecipazione alle spese per l’erogazione del servizio:

Per gli ETS soci del CSV Irpinia Sannio, la procedura di accreditamento è offerta gratuitamente, tuttavia, nella successiva fase di presentazione dei progetti di SCU, è previsto il versamento, a titolo di compartecipazione alle spese, di un importo pari a € 100,00 a volontario che saranno versati esclusivamente per i progetti approvati e finanziati dal Dipartimento.
Resta inteso che gli ETS soci del CSV Irpinia Sannio si impegnano a versare annualmente al CSV la quota sociale così come previsto dallo statuto.
Per gli ETS non soci del CSV Irpinia Sannio, la procedura di accreditamento prevede la compartecipazione alle spese attraverso il versamento dell’importo di € 50,00 da versarsi a seguito della conclusione del procedimento di accreditamento.
Così come, nella successiva fase di presentazione dei progetti di SCU, è previsto il versamento, a titolo di compartecipazione alle spese, di un importo pari a € 150,00 a volontario che saranno versati esclusivamente per i progetti approvati e finanziati dal Dipartimento.

Per approfondimenti, richiesta di informazioni e chiarimenti sarà possibile contattare il Coordinatore di Progetto Fiorenzo Vespasiano – Referente dell’Area Promozione del CSV Irpinia Sannio – tel. 0825.786108 – mail: f.vespasiano@cesvolab.it

Open chat
Skip to content